A dicembre 2019 sono state definite e pubblicate le norme EN 16612 e la EN 16613, strettamente correlate tra di loro: infatti, la prima determina la resistenza delle lastre di vetro ai carichi laterali tramite metodi di calcolo, mentre la seconda stabilisce le proprietà meccaniche dell’intercalare utilizzato per ottenere il vetro stratificato di sicurezza.

Queste norme sono in cantiere ormai da anni e la loro pubblicazione ufficializza, finalmente, l’importanza della scelta dell’intercalare per la progettazione di elementi architettonici. Pertanto, sostituiranno o completeranno le singole normative nei diversi paesi dell’Unione europea.

Determinare il tipo di pellicola da utilizzare è una decisione molto importante: essa incide sul comportamento del vetro stratificato, le cui proprietà sono variabili a seconda della temperatura e dei carichi a cui è sottoposto.

Per definire le caratteristiche del film EVA STRATO®, sono stati testati diversi campioni (quantità e misure come da Appendice B della norma EN 16613) presso un laboratorio esterno certificato in conformità con la configurazione prevista dalla norma ISO EN1288-3:2016 (prova di flessione su 4 punti).

I test sono stati effettuati con lo scopo di calcolare i valori del Modulo di elasticità e del Modulo di taglio che esprimono il comportamento del vetro laminato per differenti tipologie di sforzi e che determinano la famiglia di rigidezza (tipo 0,1,2) dell’intercalare per condizione di carico. Di seguito alcune condizioni elencate nella norma EN 16613: carico da raffiche di vento, carico da tempesta di vento, carichi da balaustre, carichi climatici su vetrate isolanti etc.

Per richiedere maggiori dettagli e/o informazioni sui risultati ottenuti con il film EVA STRATO®, invia una email a customer@satinal.it o chiama il numero +39 031870573.